Ero già tutto preso dalla gioia di mio. Avete presente quando credete che niente vi sia veramente precluso? E quando ritenete che, se anche qualcosa vi fosse precluso, "chissene!"? Ecco, precisamente. Avevo preso il caffé e sentivo salirmi il gradiente di vita. Poi c’ho messo pure dell’altro, come se non bastasse! Ho sentito questa canzone qui:


Ti ricordi quella strada? Eravamo io e te,
e la gente che correva, e gridava insieme a noi,
"tutto quello che voglio", pensavo, "è solamente amore
ed unità per noi, che meritiamo un’altra vita
più giusta e libera se vuoi. Corri amore, corri non aver paura!"
Mi chiedevi "che ti manca? Una casa tu ce l’hai,
hai una donna, una famiglia, che ti tira fuori dai guai",
"ma tutto quello che voglio", pensavo, "è solamente amore,
ed unità per noi, che meritiamo un’altra vita
più giusta e libera se vuoi".
Nata sotto il segno, nata sotto il segno dei pesci!
Ed il rock passava lento sulle nostre discussioni,
18 anni son pochi, per promettersi il futuro,
"ma tutto quel che voglio", dicevo, "è solamente amore,
ed unità per noi che meritiamo un’altra vita,
violenta e tenera se vuoi".
Nata sotto il segno, nata sotto il segno dei pesci.
E Marina se n’è andata, oggi insegna in una scuola,
vive male e insoddisfatta, si capisce perché è sola,
ma tutto quel che cerca e che vuole è solamente amore
ed unità per noi, che meritiamo un’altra vita,
violenta e tenera se vuoi,
nata sotto il segno, nata sotto il segno dei pesci.
E Giovanni è un ingegnere che lavora in una radio,
ha bruciato la sua laurea, vive solo di parole
ma tutto quel che cerca e che vuole è solamente amore
ed unità per noi, stretti in una libera sorte,
violenti e teneri se vuoi, figli di una vecchia canzone.

                                     A. Venditti, "Sotto il segno dei pesci"

Era assolutamente in assonanza con il sole che c’era fuori, con la sensazione di gioventù che avevo dentro, con il desiderio nostro comune di amore e di unità, così che veramente stavo per sbarellare per troppa contentezza. Allora ho pensato a quella meravigliosa frase di un film, che meglio di me riesce a dirvi le stesse cose:


"è difficile essere arrabbiati, quando c’è tanta bellezza nel mondo. A volte è come se la vedessi tutta insieme, ed è troppa; il cuore mi si riempie come un palloncino che sta per scoppiare e poi mi ricordo di rilassarmi e smetto di cercare di tenermela stretta, e dopo scorre attraverso di me come pioggia, e io non posso provare altro che gratitudine per ogni singolo momento della mia piccola e stupida vita"

                                                                                                                           da American Beauty
Annunci