La mia voce è molto bassa. Ma no, ecco, non volevo dire esattamente bassa; volevo dire "fioca" o qualcosa del genere. Insomma, quando parlo non mi si sente mai. Io mi sento, ovvio, ma gli altri non mi sentono mai. Come se la tirassi sù direttamente dal buco del culo o giù di lì, la mia voce. O come se la tirassi sù da un pozzo con uno scolapasta. Io ci provo pure a impegnarmi, ma davvero non c’è sistema di farmi sentire. Vabbeh, pazienza. Il discorso non voleva essere questo, questo era solo l’antefatto. Perché oggi ero in mensa e volevo parlare, ma le altre voci più forti della mia mi rendevano la cosa veramente difficile. Allora mi sono venute in mente delle nozioni di Sociologia della comunicazione, che sto preparando in questi giorni. Ad un certo punto si dice che per ogni messaggio tutti gli altri messaggi compresenti nel canale sono solo rumore. E’ vero!! Non c’avevo mai pensato. Se io parlo con te e intanto lui parla con quello o con quella o con quelli, beh, quello che dicono loro per il mio messaggio è rumore e quello che dico io per i loro messaggi è rumore. A voi parrà un’ovvietà, ma con l’esempio direttamente vissuto io l’ho capito meglio e adesso sono più contento. Stasera quando gli altri parleranno io potrò trastullarmi tutto beato pensando "quanto rumore del cazzo!". E rinuncerò di grazia ad ogni mio istinto o rigurgito comunicativo. Ma non è una brutta cosa, non fate quelle facce!

Annunci