No, così, per ragionare. Che si fa presto a dire "la dà", "non la dà", ma all’uomo ci si pensa mai? E’ sempre lì pronto a ricevere in ogni caso?
Stavolta si dovrebbe al limite parlare di emancipazione maschile, che so. E poi la donna! Che visione bieca: un dispensatore ambulante di figa? Una metonimia: una parte per il tutto? Magari sarà anche così, non lo escludo, ma perché non esercitare un minimo diritto di scelta? Becchiamo tutto quel che passa? Vabbeh che Mamma Natura ci ha detto di spargere il seme, ma insomma! Un po’ di sano snobismo sessuale, un po’ di sofisticatezza del pene (avrei scritto anche cazzo, chemmefrega, solo che poi pareva ce l’avessi con la sofisticatezza).
A me parrebbe, al limite, se proprio vogliamo rifarci a queste espressioni, più giusto dire pure “lo dà”, “lo dai”, “non lo dà” e cose del genere.
Che se proprio proprio volessimo fare i precisi, anatomicamente parlando è più corretto “lo dà” che “la dà”, dato che la concavità ce l’ha la donna e mica l’uomo. Come le prese elettriche e le spine, no? Chi dà e chi riceve?
Ma soprattutto: quanto costa?

Annunci